Tutto da cambiare, Tonino!

Tutto da cambiare, Tonino!
Tonino è cresciuto ed è a spasso nella rete! Se vuoi puoi seguirlo su Blook Intrecci nella rete. Leggi tutto il libro gratis a puntate!

domenica 22 aprile 2012

Sargent e gli Impressionisti


Per il mio compleanno ho preso un giorno di ferie, classico da un po’ d’anni a questa parte, piccolo lusso che finché potrò non vorrò più farmi mancare, e preventivando tre ore buone sono andata a Palazzo Strozzi. La mostra sui pittori americani a Firenze: il fascino che la nostra città e l’Italia esercitavano sugli americani. La cultura italiana che volevano assorbire e le contaminazioni americane che ci portarono, col loro modo di vivere, le loro idee, l’emancipazione femminile. In genere preferisco i paesaggi, ma devo ammettere che i ritratti esposti non lasciavano delusi. Impossibile non rimanere conquistati dal ritratto di Vernon Lee, dipinto dal suo amico Sargent, o il quadro di Mary Cassatt nel quale è palpabile l’affetto che la pittrice prova per il fratello e il nipote ritratti. Fra i dipinti che mi hanno colpito c’è stato anche l’autoritratto di John Singer Sargent: dal punto in cui lo avevano collocato, sembrava lanciare sguardi al “ritratto di Ambrogio Raffele”, suo compagno di escursioni montane, nella stanza seguente. Quando poi inizi a visitare la mostra, vieni subito abbagliato dal dipinto “la camera d’albergo”: una luce vibrante, estiva, filtra dalle persiane e ti lascia abbacinata, incantata ad ammirare l’abilità e la maestria di Sargent, così come ti conquista l’intima semplicità di Tarbell col suo dipinto “la stanza della colazione”, o la pensosità di Frederick Childe Hassam “la finestra a est”, l’eleganza di Mabel Hooper, o “la cucitrice” di Joseph DeCamp che richiama alla mente i dipinti fiamminghi. La luce pervade le sale, esplode dai dipinti. Mi sono seduta ad ammirare “buoi al riposo” (Sargent) e “cortile italiano” di Frank Duveneck: si percepiva chiaramente la luce violenta, il sole abbacinante, la spossatezza dell’uomo appoggiato ai buoi, fiaccato dal sole estivo italiano. Le foto di Ernestine Fabbri e le tele di Telemaco Signorini arricchiscono la mostra, e la completano con una grazia speciale.         


Nessun commento: